Difensore civico

Servizio rivolto a:
Cittadino

Il ruolo del Difensore Civico Territoriale

Al Difensore Civico Territoriale possono rivolgersi tutti i cittadini - residenti nel territorio di Como e nella sua provincia - singoli ovvero associati in enti, gruppi, organizzazioni, associazioni, comitati, etc ..., per segnalare disfunzioni, carenze o violazioni dei principi di imparzialità, trasparenza ed efficienza riscontrati nell'espletamento dell'attività' amministrativa della Pubblica Amministrazione e dell'Ente Provincia. Pertanto, possono rivolgersi al Difensore Civico Provinciale tutti i cittadini, singoli o associati, i quali abbiano pratiche in corso presso l'Ente Provincia di Como ovvero presso gli Enti, le Istituzioni e le Aziende speciali da essa dipendenti allo scopo di segnalare ritardi, inefficienze ed abusi nell'esercizio dell'attività' dei pubblici uffici ovvero comportamenti scorretti e/o in contrasto o violazione delle norme previste da leggi e regolamenti. Chiunque abbia una pratica in corso presso i pubblici uffici provinciali, può sollecitare l'intervento del Difensore Civico quando questa non venga risolta con le modalità e nei termini previsti dalla legge e dai regolamenti.

Solo a titolo esemplificativo si indicano alcuni settori di intervento tipicamente di pertinenza del Difensore Civico.

  • Accesso: qualunque cittadino (e/o Ente, associazione, comitato) si può rivolgere al Difensore Civico qualora si veda negato, da parte del Comune e/o della Pubblica Amministrazione Periferica il diritto di accesso a documenti, notizie e/o informazioni, qualora ne abbia diritto ex Legge 241/90 (Proc. di cui all'art. 25, comma 4). Anche i Consiglieri Comunali e Provinciali, nel casi in cui abbiano problemi di accesso a notizie, informazioni e/o documenti utili all'espletamento del loro mandato possono rivolgersi al Difensore Civico. In questo caso l'accesso non e' limitato a particolari documenti espressamente indicati, ma a tutte le notizie e/o informazioni utili in possesso dell'ente locale e/o di aziende ed enti dipendenti, ed utili all'espletamento del mandato ex art. 43 T.U.E.L. In quest'ultimo caso pero' non si fa riferimento alla Legge 241/90.
  • Pubblico impiego: il Difensore Civico può accertare la sussistenza dei presupposti per l'applicazione di istituti giuridici (per es. mobilita'), per la corresponsione, a diverso titolo, di somme di denaro(Es.: premi e indennità previsti dai contratti collettivi di riferimento), nonché per la verifica delle determinazioni amministrative assunte in merito, sia sotto il profilo qualitativo (corresponsione dell'indennità pretesa dal dipendente, piuttosto che quella concessa dall'amministrazione), sia quantitativo (ricostruzione di carriera). Può altresì verificare le richieste di riconoscimento, giuridico e/o economico, dell'espletamento di mansioni superiori sulla scorta del Decreto Legislativo n. 165/01.
  • Territorio, Trasporti pubblici, Lavori pubblici: il trasferimento di competenze alle Regioni a seguito dell'entrata in vigore della L. Cost. 03/01 ha prodotto il passaggio della materia dei trasporti in via esclusiva alle regioni. Il Difensore Civico Provinciale può segnalare particolari disservizi e/o inaccettabili condizioni di pulizia e/o igiene sulle vetture ferroviarie nel territorio provinciale e/o con riferimento alla società che esercita la navigazione sul lago di Como, attivandosi con i relativi gestori. Per quanto riguarda la materia dei lavori pubblici il Difensore civico raccoglie le segnalazioni inerenti al problema delle barriere architettoniche in spazi e se r vizi pubblici e funge da stimolo per le Amministrazioni interessate. Il Difensore civico può altresì stimolare le Amministrazioni competenti dietro segnalazione di carenze in corrispondenza di attraversamenti stradali pedonali. Il Difensore Civico può ancora attivarsi al fine di fornire i criteri, in caso di dubbi, per la corretta interpretazione della normativa regionale con riferimento agli oneri di urbanizzazione ed al costo di costruzione, cosi' come indicati nella circolare applicativa n. 1/997 dell'Assessorato all'urbanistica, recante '' Criteri e Indirizzi per l'applicazione della L.r. 15/96''.
  • Edilizia residenziale pubblica: il difensore civico può attivarsi nel settore dell'edilizia residenziale pubblica stimolando l'A.L.E.R. in materia di assegnazione alloggi, di manutenzione degli stessi, e di contributi per il pagamento di canoni di locazione. Può altresì intervenire in caso di carente manutenzione degli immobili di edilizia residenziale pubblica. Inoltre il Difensore civico può relazionarsi con i Comuni della circoscrizione per avere notizie con riferimento alle pratiche attinenti all'assegnazione degli alloggi.
  • Ambiente: il Difensore Civico può attivarsi, sulla scorta di segnalazioni provenienti da cittadini e/o comitati inerenti sia l'inquinamento acustico, che l'inquinamento da campi elettromagnetici, che quello derivante dai rifiuti,stimolando i soggetti interessati - particolarmente le amministrazioni - nell'attuazione della legislazione di riferimento e interloquendo con l'Arpa, le ASL e gli altri Uffici competenti.
  • Invalidità civile: le competenze relative sono state decentrate e trasferite dalle prefetture alle ASL ed ai Comuni: e' opportuno pertanto, nell'ottica di una sempre maggiore celerità di svolgimento delle pratiche che il Difensore Civico si relazioni con le ASL competenti al fine di segnalare eventuali ritardi e/o disfunzioni nell'espletamento delle pratiche.Le istanze degli interessati possono stimolare l'intervento del Difensore Civico sia con riferimento alla fase del procedimento di concessione per verificarne la congruità dei tempi di evasione, sia la fase preliminare dell'accertamento dello stato invalidante. Si possono rivolgere altresì al Difensore Civico gli Eredi della persona invalida per richieste aventi ad oggetto la liquidazione dei ratei maturati e non riscossi. Il Difensore civico si può attivare qualora non venga riconosciuto anche ai minori fino a tre anni, che frequentino l'asilo nido, l'indennità di frequenza, previa presentazione di domanda corredata di certificato di frequenza.
  • Previdenza: in questa materia il Difensore civico può attivarsi, se richiesto, qualora sussistano ritardi nella definizione del procedimento amministrativo quale quello di liquidazione della pensione e/o nella ricongiunzione di servizi ai sensi della L. 29/79.
  • Assistenza sanitaria: il Difensore Civico può certamente attivarsi presso le ASL competenti per contestare il mancato rilascio dell'autorizzazione, se dovuta, a recarsi all'estero per cure e/o in caso di dubbi da parte di assistiti con riferimento a dinieghi di rimborsi effettuati presso strutture ambulatoriali private. L'Ufficio del Difensore Civico può altresì attivarsi presso le Amministrazioni in caso di richieste ingiustificate di imposte di bollo e/o di altre tariffe che si pongano in contrasto con il dettato della Legge 184/83. 

Cosa può fare il Difensore Civico

  • chiedere verbalmente o per iscritto notizie sullo stato delle pratiche e delle situazioni sottoposte alla sua attenzione;
  • accedere a qualsiasi ufficio per compiervi accertamenti;
  • ottenere la copia di tutto quanto ritenuto utile e necessario all'espletamento delle sue funzioni;
  • consultare atti e documenti relativi al suo intervento;
  • acquisire tutte le informazioni disponibili sulle procedure, sugli atti e i documenti;
  •  in casi di particolare importanza e gravità, il difensore civico invia speciali relazioni al Presidente della Provincia segnalando i provvedimenti ritenuti opportuni per eliminare presunte irregolarità o negligenze da parte di uffici.

Quando chiedere l'intervento del Difensore Civico Territoriale

  • il Vs. Comune, l’Amministrazione Provinciale o qualunque altro Ufficio dell’Amministrazione Periferica dello Stato vi nega l’accesso a documenti, atti, nozioni e informazioni che avete il diritto di conoscere;
  • il Vs. Datore di Lavoro Pubblico, qualora si tratti di un ente locale periferico, non vi consente la mobilità, non vi corrisponde l’indennità prevista dal Vs. contratto collettivo di riferimento;
  • il trasporto pubblico (strada, ferrovia, navigazione lacuale) è di qualità insufficiente e/o ci sono disservizi e/o scarse condizioni igieniche;
  • il Vs. Comune e/o l’Amministrazione Pubblica non risolve il problema delle barriere architettoniche;
  • serve un semaforo in più ed il Comune o la Provincia non Vi provvede ed anche un attraversamento pedonale potrebbe rendere più agevole il Vs. percorso;
  • la manutenzione delle strade comunali e/o provinciali lascia a desiderare;
  • non vi viene assegnata una casa popolare o se, una volta assegnata, non viene fatta manutenzione degli enti comuni;
  • se ci vuole troppo tempo per avere l’assegnazione;
  • il rumore, lo smog o l’inquinamento sono diventati intollerabili e/o nocivi;
  • la Vs, pratica di invalidità è ferma da troppo tempo o si è persa nei meandri della burocrazia;
  • volete verificare i requisiti per ottenere l’invalidità;
  • non vi viene rilasciata dall'ASL l’autorizzazione a curarvi all'estero o rimborsata la prestazione sostenuta presso strutture ambulatoriali private;
  • avete problemi con l’istituto scolastico dei Vs. figli e/o se le istituzioni preposte non sostengono adeguatamente il loro diritto allo studio;
  • la pensione, pur avendola maturata, non arriva mai.

Oltre a queste, che costituiscono le più frequenti richieste di intervento al difensore civico, esistono ulteriori molteplici settori di intervento di iniziativa del Difensore Civico. Pertanto, se avete un dubbio, una richiesta di chiarimento e non sapete con chi relazionarVi all'interno del Vostro Comune o della Vostra Provincia rivolgeteVi con fiducia all'Ufficio del Difensore Civico provinciale.

Cosa non può fare il Difensore Civico Territoriale

  • adottare provvedimenti di competenza di un altro ufficio, oppure annullare o modificare atti;
  • applicare sanzioni né decidere provvedimenti disciplinari;
  • intervenire in questioni relative a rapporti tra privati;
  • assistere il cittadino in caso di contenzioso davanti all'autorità giudiziaria;
  • revocare né mettere in discussione le sentenze dei giudici civili, penali o amministrativi.

Il Difensore Civico Territoriale della Provincia di Como

Stefano Lurati

Difensore Civico Territoriale

Contatti

Tel.: 031/230433

difensorecivico@provinciacomo.it
Stefano Lurati

Ultimo aggiornamento:
10/02/2020, 16:04