Emissioni in atmosfera - attività ordinarie

Servizio rivolto a:
Imprese

Informazioni generali

Per la presentazione di domande in procedure ordinaria ai sensi dell'art. 269 del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. si veda la SEZIONE Autorizzazione Unica Ambientale per informazioni e modulistica.
In caso di aziende autorizzate ante AUA che non necessitano di altri titoli abilitativi ricadenti in AUA e che intendono effettuare una modifica non sostanziale,  sono disponibili i moduli approvati con la DGR n. 7570 del 18/12/2017 (in allegato unitamente a una circolare di chiarimenti rilasciata dalla Regione Lombardia nel giugno 2018).

Adempimenti

La comunicazione di modifica non sostanziale deve essere presentata tramite il portale del SUAP di competenza almeno 60 giorni prima dell'esecuzione della modifica.

Costi

Per la comunicazione di modifica non sostanziale non è prevista alcuna marca da bollo.
Dovranno essere corrisposti gli oneri di istruttoria, che per le comunicazioni non in procedura AUA, devono essere calcolati sulla base della DGR n. 9201/2009.

Gli estremi per il versamento tramite bonifico sono i seguenti:
Bonifico sul conto Banca Crédit Agricole Italia S.p.A.
Codice IBAN   IT 54 X 06230 10920 000047812849
(per pagamenti dall'Estero: codice SWIFT CRPPIT2PXXX)
(per pagamenti informatici: on-line sul sito alla voce PagoPa)
intestato a “ Provincia di Como – Settore Tutela Ambientale e Pianificazione del Territorio – Ufficio Amministrativo”.
LA CAUSALE OBBLIGATORIA E' LA SEGUENTE : “ Cap. 3767 -Rimborso delle spese d’istruttoria – Emissioni in atmosfera - Nome Azienda ”.
 

ATTENZIONE: A partire dal giorno 25/04/2022, il precedente riferimento al conto bancario di Creval S.p.A. (IBAN IT67L0521610900000000012532) NON è più in uso.

Il referente

Specialista direttivo tecnico
Stefano Noseda
031/230438
Email: stefano.noseda@provincia.como.it

Orari di servizio degli uffici

Da lunedì a giovedì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 16:30
Venerdì dalle 9:00 alle 13:00

Informazioni

Telefono: 031 230.367
E-mail:  infoambiente@provincia.como.it
PEC:  protocollo.elettronico@pec.provincia.como.it 

Linee guida regionali art 271 comma 7 bis

In data 10/06/2021 è stata pubblicata sul BURL Serie Ordinaria n. 23 la DGR 07/06/2021 n. 4837 “Linea guida regionale per l’applicazione degli adempimenti previsti dall’art. 271 c. 7 bis del d.lgs. 152/06 ed ulteriori disposizioni per la limitazione delle emissioni in atmosfera delle sostanze pericolose”.

Sulla base di quanto previsto dalle norme transitorie definite nel d.lgs 102/2020 e dallo stesso articolo 271 c.7bis, la relazione finalizzata a valutare la fattibilità tecnica della sostituzione delle sostanze/miscele di cui alla tabella 1, Allegato 1 della sopracitata DGR deve essere effettuata e trasmessa alla Provincia di Como (in firma digitale, a mezzo PEC protocollo.elettronico@pec.provincia.como.it  ), nei seguenti termini:

  1. nel caso di stabilimenti esistenti alla data di entrata in vigore del D.L.102/2020 (28 agosto 2020) entro il 28 agosto 2021;
  2. nel caso di una modifica in senso “peggiorativo” della classificazione delle sostanze/miscele utilizzate nel ciclo produttivo, entro tre anni dalla modifica della classificazione e contestualmente ad una istanza/comunicazione di modifica dell’autorizzazione da presentare tenendo conto di quanto previsto dalla DGR n. 7576/2017;
  3. ogni cinque anni, a decorrere dall’ultima relazione trasmessa o dalla data di rilascio o rinnovo dell’autorizzazione. Si ricorda che, in caso di omessa presentazione della relazione, nei casi sopra citati si applica la sanzione prevista dall’articolo 279, comma 3, del decreto legislativo n. 152 del 2006.

Stante la complessità che può richiedere l’analisi completa inerente la fattibilità tecnica ed economica della sostituzione delle sostanze/miscele utilizzate nei cicli produttivi, e considerate le tempistiche individuate dall’art. 3 c.7 del d.lgs. 102/2020, si ritiene che, fermo restando la necessità di trasmettere – ove previsto - la relazione in esito alle valutazioni di cui al punto 6.2 (analisi della disponibilità delle alternative) nei tempi indicati dal suddetto comma (28-8-2021), è facoltà del Gestore richiedere una proroga di durata non superiore a 90 gg per completare la relazione con gli esiti delle ulteriori fasi di indagine. La proroga si intende tacitamente concessa dall’Autorità competente decorsi 30 gg dalla richiesta da parte del Gestore.

Per informazioni rivolgersi alla dott.ssa Rita Veglia (rita.veglia@provincia.como.it ).

 

FAQ -  portale Regione Lombardia:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/Imprese/Sicurezza-ambientale-e-alimentare/qualita-dell-aria-ed-emissioni-in-atmosfera/dgr-4837-del-2021-linea-guida-adempimenti-art-271-c7bis-dlgs-152-2006/dgr-4837-del-2021-linea-guida-adempimenti-art-271-c7bis-dlgs-152-2006 

Adempimenti medi impianti di combustione – Art 273 bis del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.

I Gestori di stabilimenti soggetti ai regimi autorizzativi emissioni in atmosfera, AUA, AIA, rifiuti, nei quali sono collocati impianti di combustione esistenti di potenza superiore a 5 MW, sono tenuti – entro il 1° gennaio 2023 – a presentare all’autorità competente, qualora non lo abbiano già fatto:

  • una domanda autorizzativa al fine di adeguare i valori limite e le prescrizioni relative ai medi impianti di combustione ai valori limite previsti dal comma 5 dell’art. 273bis del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i.; 

oppure

  • nel caso in cui le autorizzazioni che regolano l’attività degli stabilimenti già prescrivono valori limite e prescrizioni conformi a quelli previsti al comma 5, una comunicazione attestante il sussistere di tale condizione.

La comunicazione, firmata digitalmente, dovrà essere trasmessa via PEC alla Provincia di Como e ad ARPA Dipartimento di Como e Varese utilizzando il modello in allegato.
Sono fatte salve le indicazioni di cui alla nota regionale n. 50356 del 07/12/2022 in allegato.
 

Ultimo aggiornamento:
12/12/2022, 12:34