Emissioni in atmosfera - attività in deroga art. 272 co. 2

Servizio rivolto a:
Imprese

Informazioni generali

Nella DGR n. 983/2018 sono contenute le disposizioni relative all’autorizzazione di carattere generale alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti con “Impianti/attività in deroga”  di cui all’art. 272 cc 2 e 3 del D.Lgs. 152/06 s.m.i.(Allegato IV, Parte II alla Parte Quinta), nell’ipotesi che il Gestore dello stabilimento non si avvalga dell’AUA. Nel caso in cui il Gestore dello stabilimento voglia, viceversa, avvalersi dell’AUA dovrà fare riferimento alla procedura di cui all’art. 4 del DPR 59/2013.

Adempimenti

Il Gestore di uno stabilimento con impianti / attività in deroga per aderire all'autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera ai sensi dell’art. 272 del D.Lgs. n. 152/06 s.m.i., deve presentare al SUAP territorialmente competente, la domanda di adesione all’autorizzazione in via generale, avvalendosi della facoltà di non richiedere l’AUA. In questo caso, come previsto dall’art. 272 del d.lgs 152/06, ai fini dell’esercizio dell’attività, il Gestore potrà avviare la stessa decorsi 45 giorni dalla presentazione della domanda di adesione, secondo la logica del “ silenzio-assenso” prevista per questo procedimento, fermo restando eventuali diverse da parte dell'Autorità competente.

La domanda deve essere presentata al SUAP tramite il portale di riferimento (Impresainungiorno o MUTA).

Nel file RTS (formato .zip) sono disponibili le Relazioni Tecniche semplificate per gli allegati tecnici in corso di validità.

Nel file Elenco AID è riportato l'elenco delle aziende autorizzate aggiornato al 26/02/2021.


Attenzione con  D.D.S n. 17322 del 28 novembre 2019 sono stati approvati i seguenti  nuovi allegati tecnici:

  • n. 41  Medi impianti di combustione industriali
  • n. 42  Lavorazione materiali lapidei
  • n. 43 Taglio laser su materiali diversi da carta e tessuti

Costi

Per la presentazione della domanda è prevista una marca da bollo virtuale da 16 €.

Gli oneri di istruttoria pari a 150,00 € devono essere versati tramite bonifico bancario:
Bonifico sul conto Banca Crédit Agricole Italia S.p.A.
Codice IBAN   IT 54 X 06230 10920 000047812849
(per pagamenti dall'Estero: codice SWIFT CRPPIT2PXXX)
(per pagamenti informatici: on-line sul sito alla voce PagoPa)
intestato a “ Provincia di Como – Settore Tutela Ambientale e Pianificazione del Territorio – Ufficio Amministrativo”.
LA CAUSALE OBBLIGATORIA E' LA SEGUENTE : “ Cap. 3767 -Rimborso delle spese d’istruttoria – Emissioni in atmosfera  AID 272 co. 2 - Nome Azienda ”.

 
ATTENZIONE: A partire dal giorno 25/04/2022, il precedente riferimento al conto bancario di Creval S.p.A. (IBAN IT67L0521610900000000012532) NON è più in uso.

Il referente

Specialista direttivo tecnico
Stefano Noseda
031/230438
Email: stefano.noseda@provincia.como.it

Orari di servizio degli uffici

Da lunedì a giovedì  dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 16:30
Venerdì dalle 9:00 alle 13:00

Informazioni

Telefono: 031 230.367  
E-mail:  infoambiente@provincia.como.it
PEC: protocollo.elettronico@pec.provincia.como.it 

 

Ultimo aggiornamento:
12/05/2022, 09:33