Denuncia Acque Prelevate

Data:
30 set 2020 -

Denuncia dei volumi di acqua prelevati nell'anno 2019 ai sensi dell’art. 95 del d.lgs. 152 del 2006 s.m.i. e dell’art. 33 del R.R. n. 2 del 2006

La scadenza

Si comunica che con la DGR 2975 del 23 marzo 2020 il termine per la presentazione della Denuncia Annuale delle acque derivate (31 marzo) è prorogato al 30 settembre 2020. 


I moduli per la presentazione della domanda dovranno essere inviati, correttamente compilati, entro il 30 settembre 2020. 

Per le Ditte, Società ed Enti obbligati ad avere la PEC, i moduli devono essere trasmessi esclusivamente mediante Posta Elettronica Certificata (ecologia.acqua@pec.provincia.como.it  ) e in firma digitale.


Per i privati cittadini sarà ancora accettato l’invio tramite raccomandata, consegna a mano al protocollo provinciale. È comunque preferibile la trasmissione telematica anche utilizzando una mail semplice indirizzata a ecologia.acqua@pec.provincia.como.it


È possibile trasmettere la Denuncia 2019 anche via PEC, tramite uno Studio/Professionista appositamente delegato, in questo caso deve essere allegata alla denuncia specifica delega del concessionario. I moduli devono essere, in ogni caso, firmati dal Titolare e scansionati.
Si ricorda, inoltre, che andrà compilata la relativa scheda per ciascun punto di presa (pozzo, sorgente o derivazione superficiale).


Per essere in regola, è necessario trasmettere la denuncia entro il 30 settembre 2020.


L’inottemperanza, oppure il ritardo, a tale obbligo comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa da Euro 1.500,00 a Euro 6.000,00, ai sensi dell'art. 133, c. 8, del D.Lgs. 152/06 s.m.i., ridotta a un quinto per i casi di particolare tenuità.


Si fa presente che:

  1. I volumi trasmessi devono essere relativi all'anno 2019, calcolati come differenza tra i volumi totali letti sul contatore al 31/12/2019 e i volumi totali letti sul contatore al 31/12/2018. Inserire il dato parziale nell'apposita casella.
  2. Nell'apposita casella inserire anche la lettura totale del contatore.
  3. La denuncia non deve essere predisposta da coloro che hanno istruttorie attualmente in corso per il rilascio della concessione. 
  4. Deve essere presentata, invece, dagli utenti con domande di derivazioni in sanatoria oppure in istruttoria per il riconoscimento preferenziale (derivazioni attive in corso di riconoscimento).
  5. La denuncia dovrà essere trasmessa anche dagli utenti che hanno rinunciato alla concessione di derivazione nel corso dell’anno 2019.

I referenti del Servizio Tutela acque e Suolo – Ufficio Derivazioni, sono disponibili per ogni chiarimento ai seguenti numeri telefonici:
dr.ssa Silvia Tavecchia:          031.230.486 (silvia.tavecchia@provincia.como.it )
dr.ssa Pasqualina Del Curto:      031.230.235 (pasqualina.delcurto@provincia.como.it )

Ultimo aggiornamento:
24/03/2020, 09:46