Autorizzazioni

La Provincia a seguito delle attribuzioni della Legge regionale 26/2003 è titolare del rilascio delle autorizzazioni (Decreto legislativo 152/06) per le seguenti tipologie di impianti di smaltimento e recupero:

  • discariche di inerti (Decreto legislativo 36/03, …);
  • impianti di stoccaggio, selezione e cernita di rifiuti pericolosi e non pericolosi (Decreto giunta regionale 7851/02, …);
  • stoccaggio oli (Decreto legislativo 95/92, Decreto ministeriale 392/96, …);
  • impianti di compostaggio (Decreto giunta regionale 12920/03, …);
  • centri di raccolta e trattamento di veicoli fuori uso (Decreto legislativo 209/03, …);
  • impianti di recupero e smaltimento a tecnologia complessa (Decreto giunta regionale 11242, …);
  • recupero fanghi in agricoltura (Decreto legislativo 99/92, …);
  • impianti mobili (D.D.UO. 25381/01, …).

L’attività autorizzatoria comprende la valutazione tecnico amministrativa dei progetti, il coordinamento dei pareri degli Enti Locali e degli organi tecnici e dei pareri di Valutazione di Impatto Ambientale. Il coordinamento dei pareri degli Enti coinvolti nell’iter di valutazione del progetto avviene attraverso una “Conferenza di Servizi”, forma di concertazione prevista dalle norme di semplificazione amministrativa che consente di ridurre i tempi della fase istruttoria. La “Conferenza di Servizi” nel termine di 90 giorni valuta ed individua tutti gli aspetti di compatibilità tecnica, ambientale ed territoriale in relazione agli strumenti normativi e di pianificazione. Per la redazione del progetto e per la documentazione tecnica ed amministrativa da presentare contestualmente all’istanza la Regione Lombardia ha individuato e gli elementi essenziali con Decreto giunta regionale n. 10161 del 2002. Rimangono in capo alla Regione Lombardia le autorizzazioni di:

  • discariche di rifiuti pericolosi e non pericolosi;
  • impianti di recupero energetico da rifiuti;
  • impianti di sperimentazione;
  • impianti soggetti a VIA nazionale.