AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (AIA)

L’AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A.) ha per oggetto la prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento proveniente da medie e grandi attività produttive. Essa prevede misure intese ad evitare oppure, qualora non sia possibile, ridurre le emissioni delle suddette attività nell'aria, nell'acqua e nel suolo, comprese le misure relative alla corretta gestione dei rifiuti, per conseguire un livello elevato di protezione dell'ambiente nel suo complesso.

In Italia, l'A.I.A. è normata all’interno della Parte Seconda del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. (artt. 29bis e seguenti), che ne disciplina il rilascio, il rinnovo e il riesame, nonché le modalità di esercizio degli impianti soggetti ad essa. L’elenco degli impianti soggetti ad A.I.A. è riportato all'Allegato VIII alla Parte Seconda. Con l’entrata in vigore del D.lgs. 46/2014 è stato esteso l’ambito di applicazione di tale normativa a nuove categorie di impianti non precedentemente soggetti ad A.I.A., che pertanto sono tenuti alla presentazione della relativa istanza secondo le modalità avanti indicate.

Dal 1 gennaio 2008 la Provincia è autorità competente ai fini del rilascio, del rinnovo e del riesame dell'autorizzazione integrata ambientale in relazione a tutti gli impianti contemplati dall'allegato VIII, ad eccezione degli impianti soggetti ad A.I.A. statale (allegato XII parte seconda al D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) e di quelli di competenza regionale, ai sensi dell'art. 17 comma 1 della L.R. n. 26/2003 e s.m.i. (impianti per l'incenerimento di rifiuti urbani, impianti per la gestione dei rifiuti di amianto, impianti di carattere innovativo per la gestione dei rifiuti e installazioni esistenti qualificate come “non già soggette ad AIA”- ai sensi dell’articolo 5, comma 1, lettera i quinquies del D.Lgs. 152/2006 - secondo quanto previsto dall’articolo 29, commi 2 e 3, del D.Lgs. 46/2014).

Ai sensi del DPR 160/2010 l’autorità procedente per l’A.I.A. è il SUAP di competenza territoriale, al quale devono essere indirizzate tutte le istanze per il rilascio, il rinnovo e la modifica dell’autorizzazione integrata ambientale. Tali istanze devono essere presentate dal Gestore, ossia la persona fisica o giuridica che detiene o gestisce l’impianto oppure che dispone di un potere economico determinante sull’esercizio tecnico dell’impianto stesso (art. 5 comma 1 lett. r-bis del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.).

 

NOVITÀ - RELAZIONE DI RIFERIMENTO

La Regione Lombardia, con D.G.R. n. 5065 del 18/04/2016, ha fornito gli indirizzi per l'applicazione del D.M. n. 272/2014 "Decreto recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento di cui all'art. 5, comma 1, lettera v-bis) del D.lgs. 152/06 e s.m.i.. Con successiva circolare prot. 38333 del 26 luglio 2016 ha inoltre fornito ulteriori chiarimenti.

 

 

ELENCO SUAP PROVINCIA DI COMO

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

D.Lgs. 152/06 e s.m.i. (Testo unico Ambientale)

D.Lgs. 46/2014 (Modifiche al Testo unico Ambientale)

Legge Regionale n. 24 del 5 agosto 2014

Circolare Regione Lombardia n. 6/2014

Allegato alla Circ. n. 6/2014

D.G.R. 8831/2008 (Linee guida regionali)

D.G.R. 4626/2012 (Tariffario A.I.A.)

D.G.R. 2970/2012 (Rinnovi e modifiche)

 

 

 

LINKS UTILI

Regione Lombardia - Sviluppo Sostenibile

Ministero dell'Ambiente - AIA

Unione Europea - IPPC

Unione Europea - Waste Management