Lario Sicuro

870004

La Provincia di Como, Settore Viabilità e Protezione Civile, in un’ottica di incremento della sicurezza dei luoghi adibiti alla balneazione e alle attività di diporto, congiuntamente con la Provincia di Lecco, le rispettive Prefetture e il Consorzio del Lario e dei Laghi Minori, ha realizzato il progetto denominato “Lario Sicuro”, che vede interessati tutti i Comuni rivieraschi del Lario.

 

Obiettivi e linee guida:

  • Rilievo fotografico dei porti, attracchi, spiagge pubbliche, campeggi, centri nautici, aree lacustri per volo e attività sportive ecc. con stesura di report di illustrazione della situazione attuale del sito;
  • Individuazione cartografica in scala 1:25000, 1:2000;
  • Rilievo diretto dei siti eseguito da terra;
  • Indicazione dei percorsi pedonali e carrai di accesso e sosta nonché individuazione dei percorsi alternativi e di soccorso;
  • Individuazione di dettaglio, descrizione delle strutture con riguardo all’ubicazione degli eventuali mezzi di soccorso, alle vie di fuga;
  • Stesura di planimetrie in scala opportuna;
  • Apposizione di opportuna segnaletica generale e di informazione con possibilità di definire la posizione del sito;
  • Realizzazione di un pieghevole e di manifesti (in italiano, inglese, tedesco) contenenti le norme di comportamento da tenere da parte dei fruitori del lago.
  • Coordinamento con la Prefettura, il 118, le Forze di Polizia, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato, le Guardie Provinciali, le Amministrazioni Comunali, per lo sviluppo del progetto e la predisposizione di un programma di intervento.

In generale questo progetto ha comportato una prima fase di raccolta dati e loro elaborazione comprendente:

  1. L’esecuzione di un censimento, con rilievo diretto eseguito da terra, dei porti, degli attracchi, delle spiagge pubbliche, dei campeggi, dei centri nautici, delle aree lacustri per volo e attività sportive ecc. con stesura di report di illustrazione della situazione attuale del sito, con indicazione dei percorsi pedonali e carrai di accesso e sosta nonché individuazione dei percorsi alternativi di soccorso e di fuga ;
  2. La realizzazione di cartografia generale e di dettaglio dei siti censiti da fornire a Forze di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale, 118, Corpo Forestale dello Stato, Associazioni di Soccorso e Amministrazioni Comunali;

e a seguire:

  1. La realizzazione e successiva posa in loco di adeguata cartellonistica riportante la mappatura del luogo, contenente anche le principali norme comportamentali da tenere da parte dei fruitori del lago, fondamentale per una tempestiva individuazione dei siti censiti al fine di agevolare le eventuali operazioni di soccorso;
  2. La stampa e divulgazione di opuscolo informativo con indicate le principali norme di comportamento da tenere da parte dei fruitori del lago;

Queste fasi, grazie alla valida collaborazione delle Comunità Montane e del personale volontario dei gruppi e delle associazioni di Protezione Civile, hanno permesso l’individuazione di 101 siti, lungo i trentatre comuni rivieraschi della Provincia di Como, che per le loro caratteristiche (frequentazione, difficoltà d’individuazione, mancanza di strutture Pubbliche/Private) rientrano nelle finalità di progetto.

 

I 33 COMUNI COINVOLTI NEL PROGETTO:

1) Argegno
2) Bellagio
3) Blevio
4) Brienno
5) Carate Urio
6) Cernobbio
7) Colonno
8) Como
9) Consiglio di Rumo
10) Cremia
11) Domaso
12) Dongo
13) Faggeto Lario
14) Gera Lario
15) Gravedona
16) Griante
17) Laglio
18) Lenno
19) Lezzeno
20) Menaggio
21) Moltrasio
22) Musso
23) Nesso
24) Ossuccio
25) Pianello del Lario
26) Pognana Lario
27) Sala Comacina
28) San Siro
29) Sorico
30) Torno
31) Tremezzo
32) Valbrona
33) Vercana