Carpe Diem


La Protezione Civile della Provincia di Como è stata coinvolta dalla Cooperativa sociale Il Biancospino di Como, in un progetto pilota, denominato CARPE DIEM, mirato alla promozione del protagonismo giovanile quale strategia per approfondire e contrastare il fenomeno del disagio attraverso un intervento di ricerca – azione.

Per fare ciò sono state coinvolte Organizzazioni di Volontariato locale ben consolidate, strutturate e riconosciute dalla comunità con lo scopo di far conoscere ai giovani questo tipo di realtà nelle quali essi stessi potranno sperimentare occasioni di protagonismo, attraverso azioni e simulazioni, quindi provare direttamente a “mettersi in gioco” in situazioni protette. Nel medesimo tempo queste consentono loro di provare emozioni e indurre riflessioni sul senso delle proprie azioni.

Il progetto ha coinvolto circa 250 ragazzi dell’Istituto IPSIA Ripamonti di Como ed è stato rivolto ad alcune classi prime e seconde. Tra le finalità del progetto quella di proporlo a livello europeo è di primaria importanza proprio per l’innovazione della metodologia utilizzata, rispetto agli argomenti affrontati in aula, che sono stati scelti direttamente dai ragazzi sulla base di linee guida, non rigidamente impostate dagli operatori e per la presenza e la coesistenza di un percorso più legato alla conoscenza delle organizzazioni di volontariato locale che hanno proposto agli studenti sia attività di confronto e dialogo circa il fenomeno del disagio giovanile che attività adrenaliniche nella quale i ragazzi sono diventati protagonisti attivi.

La Protezione Civile della Provincia di Como, attraverso l’intervento dei propri volontari specializzati, ha coinvolto i ragazzi con incontri in classe ed esercitazioni, comunicando loro quelle che sono le attività e le competenze generali della Protezione Civile, nonché coinvolgendoli in tre delle varie specializzazioni che caratterizzano il Sistema di Protezione Civile, quali le comunicazioni, l’antincendio boschivo e la ricerca persone attraverso l’attività dei cinofili.

912003

La Provincia - Venerdì 13 aprile 2007