Autorizzazione alla realizzazione e gestione delle nuove piattaforme o varianti sostanziali

Informazioni generali

Le procedure di autorizzazione alla realizzazione e gestione delle piattaforme si applicano alle strutture che non posssiedono le caratteristiche determinate dall'art. 183 comma 1 lett mm) del D.lgs. 152/2006 e s.m.i cosi come dettagliate nel DM 8/4/2008 modificato dal DM 13/05/2009 per essere classificate come Centri di Raccolta. La realizzazione  e gestione di tali strutture segue l'iter previsto dall'articolo 208 del D.lgs. 152/06 per gli impianti di gestione rifiuti.
Nel caso in cui la struttura abbia le caratteristiche di centro di raccolta la titolarità autorizzativa è di competenza comunale ed è rilasciata sulla base delle vigenti normative in materia urbanistico - edilizia.
Iter relativo alle piattaforme:
si applicano le procedure per le autorizzazioni necessarie alla realizzazione ed all'esercizio di nuovi impianti di smaltimento e/o recupero di rifiuti o alla realizzazione di modifiche sostanziali ad impianti già autorizzati. Sinteticamente si può riassumere l'iter procedurale nelle seguenti fasi: presentazione della richiesta di autorizzazione secondo lo schema e relativi allegati tecnici previsti dalla D.G.R. N°10161 del 06/08/02, convocazione della conferenza dei servizi, espressione del parere di conferenza, stesura dell'autorizzazione, richiesta ed accettazione delle garanzie finanziarie, notifica del provvedimento autorizzativo. Possono accedere tutti gli utenti in possesso dei requisiti soggettivi previsti dalle normative vigenti. Il soggetto autorizzato può realizzare l'impianto di smaltimento e/o recupero di rifiuti ed effettuarne l'esercizio. I lavori di realizzazione dell'impianto dovranno avere inizio entro 1 anno dalla data di approvazione del provvedimento e terminare entro 3 anni, l'esercizio dell'impianto potrà essere attivato solo a seguito di verifica provinciale del completamento delle opere previste. Allo stato attuale per quanto concerne gli impianti sottoposti a procedura di VIA (valutazione d'impatto ambientale) o interessanti aree sottoposte a vincolo ambientale, le relative istanze di giudizio di compatibilità ambientale e di autorizzazione paesistica devono essere presentate ai competenti uffici della regione Lombardia.
Per alcune tipologie particolari di impianti individuate dal D.Lgs. 59/2005 relativo alle procedure I.P.P.C./A.I.A. La relativa domanda di autorizzazione deve essere presentata al competente ufficio della regione Lombardia.

Adempimenti
Gli interessati presentano domanda di autorizzazione, in marca da bollo di € 14,62, via posta e/o mediante consegna diretta presso gli uffici. Data la complessità delle procedure, della documentazione da predisporre e delle numerose normative di riferimento, si consiglia una ricognizione preliminare con i tecnici degli uffici del servizio rifiuti, al fine di individuare con precisione e tempestività la documentazione specifica relativa alla tipologia d'impianto per cui viene formulata la richiesta di autorizzazione.

Costi

  • N. 1 marca da bollo da € 16,00 da apporre sull'istanza;
  • Versamento degli oneri d'istruttoria variabile in funzione della tipologia d'impianto da autorizzare,
  • Costituzione delle garanzie finanziarie variabili in funzione della tipologia e della potenzialità dell'impianto da autorizzare;
  • N. 1 marca da bollo da 16,00 euro nella misura di 1 ogni 4 pagine da apporre sul provvedimento autorizzativo;
  • N. 1 marca da € 2,00 per ogni tavola a corredo del provvedimento.

Sono disponibili presso il servizio rifiuti i prospetti informativi riportanti la quantificazione delle spese di istruttoria.

Informazioni utili

Responsabile Servizio Rifiuti e Servizio Aria ed Energia
Stefano Noseda
Telefono: 031 230.438
stefano.noseda@provincia.como.it

Sede

Sede Centrale - Villa Gallia - III piano
Via Borgovico, 148 - 22100 Como


Orari di servizio degli uffici
Da Lunedì a Giovedì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 16:30
Venerdì dalle 9:00 alle 13:00


Per informazioni
Telefono: 031 230.367
infoambiente@provincia.como.it

PEC:ecologia.rifiuti@pec.provincia.como.it

Personale addetto

Attivita' di supporto Polizia Provinciale ed attivita' ispettiva su delega Autorita' Giudiziaria e/o altri organi di polizia giudiziaria.

Autorizzazione in procedura semplificata ex art. 214 e 216 D.lgs n 152/06 

Autorizzazioni procedure ordinarie ex art. 208 e 209 D.lgs n 152/06

Gestione amministrativa e contabile del servizio

Procedure A.I.A.

Verifiche di assoggettabilita' alla V.I.A.